Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Precedenti studi con ecocardiografia bidimensionale senza contrasto hanno riportato una incidenza di trombi nel ventricolo sinistro dal 3% al 24% nei pazienti dopo infarto miocardico con sopraslivella ...


Sebbene l'infarto miocardico silente rappresenti circa la metà del numero totale di infarti miocardici, il rischio di insufficienza cardiaca tra i pazienti con infarto miocardico silente non è ben def ...


L'infarto miocardico di tipo 2 è caratterizzato da uno squilibrio tra domanda e offerta di sangue del miocardio, che porta a ischemia miocardica senza rottura della placca coronarica, ma la sua diagno ...


Ci sono pochi dati sulla terapia antitrombotica ottimale per prevenire l'embolia riducendo al minimo gli eventi di sanguinamento nei pazienti con primo infarto miocardico acuto ( IMA ) complicato da t ...


L'infarto miocardico di tipo 2 e il danno miocardico sono comuni nella pratica clinica, ma le conseguenze a lungo termine sono incerte. Sono stati definiti gli esiti a lungo termine ed è stata esamin ...


L'ischemia miocardica indotta da stress mentale è frequente nei pazienti con malattia coronarica ed è associata a prognosi sfavorevole. Le giovani donne con un precedente infarto miocardico, un grupp ...


Secondo alcuni studi le donne hanno meno probabilità di presentare dolore toracico per infarto miocardico acuto. Le informazioni sulla presentazione dei sintomi, sulla percezione dei sintomi e sui co ...


Sebbene alcuni studi abbiano trovato un miglioramento del flusso coronarico e del recupero del miocardio quando l'impianto dello stent è stato differito, lo studio DANAMI-3-DEFER ( Third DANish Study ...


Per l’infarto miocardico acuto senza insufficienza cardiaca, non è chiaro se i beta-bloccanti siano associati a una ridotta mortalità. L'obiettivo di questo studio era di determinare l'associazione ...


L'aspirazione del trombo durante intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per il trattamento di infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ) è ampiamente utilizzata. Studi rec ...


Nonostante il crescente riconoscimento di infarto miocardico di tipo 2 ( T2MI ), poco si sa sui suoi fattori di rischio o sulla sua associazione con l’esito. Una coorte monocentrica di pazienti sot ...


I tassi di mortalità standardizzati per il rischio a trenta giorni dopo infarto miocardico acuto sono comunemente utilizzati per valutare e confrontare le prestazioni ospedaliere. Tuttavia, non è no ...


La maggior parte dei giovani adulti che soffrono di un infarto miocardico acuto ( IMA ) sono sessualmente attivi prima dell’infarto, ma poco si sa circa l'attività o la funzione sessuale dopo l'evento ...


La trombectomia durante l'intervento coronarico percutaneo primario ( PPCI ) per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) è ritenuta una terapia efficace per prevenire l'embol ...


L’infarto miocardico senza sopraslivellamento ST ( NSTEMI ) e l’angina pectoris instabile sono cause frequenti di ricovero ospedaliero negli anziani. Tuttavia, gli studi clinici su questa popolazion ...