Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione tra diagnosi di COVID-19 e mortalità intraospedaliera nei pazienti ricoverati con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST


C'è stata una ricerca limitata su pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( infarto STEMI ) e COVID-19.

Sono state confrontate le caratteristiche, il trattamento e gli esiti dei pazienti con infarto STEMI con e senza infezione da COVID-19 in uno studio di coorte retrospettivo su pazienti adulti consecutivi ricoverati nel periodo gennaio 2019 - dicembre 2020 ( fine del follow-up a gennaio 2021 ) con infarto STEMI extraospedaliero o intraospedaliero presso 509 Centri statunitensi nel database clinico Vizient ( n=80.449 ).

L'esito primario era la mortalità intraospedaliera.
Nell'analisi principale, i pazienti con COVID-19 sono stati confrontati con quelli senza COVID-19 durante l'anno solare precedente.

Il gruppo infarto STEMI extraospedaliero comprendeva 76.434 pazienti ( 551 con COVID-19 vs 2.755 senza COVID-19 dopo l'abbinamento ) provenienti da 370 centri ( 64.1% di età compresa tra 51 e 74 anni; 70.3% uomini ).

Il gruppo STEMI ospedaliero comprendeva 4.015 pazienti ( 252 con COVID-19 vs 756 senza COVID-19 dopo l'abbinamento ) provenienti da 353 centri ( 58.3% di età compresa tra 51-74 anni; 60.7% uomini ).

Nei pazienti con infarto STEMI extraospedaliero, non vi è stata alcuna differenza significativa nella probabilità di subire un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario in base allo stato di COVID-19; i pazienti con infarto STEMI in ospedale e COVID-19 hanno avuto, in modo significativo, meno probabilità di sottoporsi a procedure coronariche diagnostiche o terapeutiche invasive rispetto a quelli senza COVID-19.

Tra i pazienti con infarto STEMI extraospedaliero e COVID-19 versus infarto STEMI extraospedaliero senza COVID-19, i tassi di mortalità intraospedaliera sono stati del 15.2% contro l'11.2% ( differenza assoluta, 4.1%; P=0.007 ).

Tra i pazienti con infarto STEMI ospedaliero e COVID-19 versus infarto STEMI ospedaliero senza COVID-19, i tassi di mortalità in ospedale sono stati 78.5% versus 46.1% ( differenza assoluta, 32.4%; P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti con infarto STEMI extraospedaliero o intraospedaliero, una diagnosi concomitante di COVID-19 è risultata significativamente associata a tassi più elevati di mortalità intraospedaliera rispetto ai pazienti senza diagnosi di COVID-19 nell'ultimo anno.
Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i potenziali meccanismi alla base di questa associazione. ( Xagena2021 )

Saad M et al, JAMA 2021; 326: 1940-1952

Inf2021 Cardio2021 Med2021



Indietro