Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Rivascolarizzazione completa con PCI multivasale per infarto miocardico


Nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ), l'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) della lesione culprit riduce il rischio di morte cardiovascolare o infarto miocardico.
Non è chiaro se la procedura PCI delle lesioni non-culprit riduca ulteriormente il rischio di tali eventi.

Sono stati assegnati in modo casuale i pazienti con infarto STEMI e malattia coronarica multivasale che erano stati sottoposti con successo a intervento PCI della lesione culprit a una strategia di rivascolarizzazione completa con PCI delle lesioni non-culprit angiograficamente significative o a nessuna ulteriore rivascolarizzazione.

La randomizzazione è stata stratificata in base alla tempistica prevista di PCI della lesione non-culprit (durante o dopo il ricovero indice). Il primo esito coprimario era il composito di morte cardiovascolare o infarto del miocardio; il secondo esito coprimario era il composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o rivascolarizzazione guidata dall'ischemia.

A un follow-up mediano di 3 anni, il primo esito coprimario si era verificato in 158 dei 2.016 pazienti ( 7.8% ) nel gruppo con rivascolarizzazione completa rispetto a 213 pazienti su 2.025 ( 10.5% ) nel gruppo procedura PCI della sola lesione culprit ( hazard ratio, HR=0.74; P=0.004 ).

Il secondo esito co-primario si era verificato in 179 pazienti ( 8.9% ) nel gruppo con rivascolarizzazione completa rispetto a 339 pazienti ( 16.7% ) nel gruppo PCI della sola lesione culprit ( HR 0.51; P minore di 0.001 ).

Per entrambi gli esiti coprimari, il beneficio della rivascolarizzazione completa è stato costantemente osservato indipendentemente dalla tempistica prevista delal procedura PCI della lesione non-culprit ( P=0.62 e P=0.27 per l'interazione per il primo e il secondo esito coprimario, rispettivamente ).

Tra i pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST e malattia coronarica multivasale, la rivascolarizzazione completa è stata superiore all'intervento coronarico percutaneo riservato sola lesione culprit nel ridurre il rischio di morte cardiovascolare o infarto del miocardio, nonché il rischio di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o rivascolarizzazione guidata dall'ischemia. ( Xagena2019 )

Mehta SR et al, N Engl J Med 2019; 381: 1411-1421

Cardio2019



Indietro