Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Rivascolarizzazione completa versus rivascolarizzazione della sola lesione responsabile dell' infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST


Recentemente, lo studio COMPLETE ( Complete vs Culprit-Only Revascularization to Treat Multivessel Disease After Early PCI, intervento coronarico percutaneo ) per infarto STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ) ha mostrato che l'intervento PCI guidato da angiografia della lesione non-culprit con l'obiettivo di una rivascolarizzazione completa ha ridotto la morte cardiovascolare o un nuovo infarto miocardico rispetto alla procedura PCI della lesione culprit solo nell' infarto STEMI.

Non è certo se la rivascolarizzazione completa riduca anche la mortalità cardiovascolare. Inoltre, non è noto se l'associazione della rivascolarizzazione completa con gli esiti clinici sia coerente quando si utilizzano le strategie guidate dalla riserva frazionale di flusso ( FFR ) e dall’angiografia.

Si è determinato attraverso una revisione sistematica e una meta-analisi se la rivascolarizzazione completa sia associata a una diminuzione della mortalità cardiovascolare e se l'eterogeneità nell'associazione si verifica quando vengono eseguite strategie PCI guidate da riserva FFR e angiografia per lesioni non-culprit.

Sono stati cercati studi clinici randomizzati di confronto tra la rivascolarizzazione completa rispetto a procedura PCI della sola lesione colpevole in pazienti con infarto STEMI e malattia multivasale.

L’esito principale era la morte cardiovascolare e il composito di morte cardiovascolare o nuovo infarto miocardico.

Sono stati inclusi 10 studi clinici randomizzati che hanno coinvolto 7.030 pazienti. Il tempo medio ponderato di follow-up è stato di 29.5 mesi.
La rivascolarizzazione completa è stata associata a una morte cardiovascolare ridotta rispetto a intervento PCI della sola lesione culprit ( 80 su 3.191, 2.5%, vs 106 su 3.406, 3.1%; odds ratio, OR, 0.69; P=0.05 ; modello OR a effetti fissi, 0.74; P=0.04 ).

La mortalità per tutte le cause si è verificata in 153 pazienti su 3.426 ( 4.5% ) nel gruppo di rivascolarizzazione completa versus 177 su 3.604 ( 4.9% ) nel gruppo di rivascolarizzazione della sola lesione culprit ( OR, 0.84; P=0.13; I2=0% ).

La rivascolarizzazione completa è stata associata a una riduzione del composito di morte cardiovascolare o nuovo infarto miocardico ( 192 su 2.616, 7.3%, vs 266 su 2.586, 10.3%; OR, 0.69, P=0.001; modello a effetti fissi OR, 0.69; P minore di 0.001 ), senza eterogeneità in questo risultato quando la rivascolarizzazione completa è stata eseguita utilizzando una strategia guidata da FFR ( OR, 0.78 ) o una strategia guidata dall'angiografia ( OR, 0.61; P=0.52 per l'interazione ).

Nei pazienti con infarto STEMI e malattia multivasale, la rivascolarizzazione completa è stata associata a una riduzione della mortalità cardiovascolare rispetto a intervento coronarico percutaneo della sola lesione culprit.
Non c'è stata alcuna associazione differenziale con il trattamento tra le strategie guidate da riserva frazionale di flusso e guidate da angiografia sui principali esiti cardiovascolari. ( Xagena2020 )

Bainey KR et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 881-888

Cardio2020



Indietro