Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Terapia medica per la prevenzione secondaria ed esito a lungo termine nei pazienti con infarto miocardico con malattia coronarica non-ostruttiva


L’infarto miocardico con arterie coronariche non-ostruite ( MINOCA ) si verifica nel 5-10% di tutti i pazienti con infarto del miocardio.
Gli studi clinici del trattamento per la prevenzione secondaria nei pazienti MINOCA sono carenti.

Pertanto, è stata esaminata l'associazione tra trattamento con statine, bloccanti del sistema renina-angiotensina, beta-bloccanti, doppia terapia antiaggregante ed eventi cardiovascolari a lungo termine.

È stato effettuato uno studio osservazionale dei pazienti MINOCA registrati nel Registro SWEDEHEART ( Swedish Web-system for Enhancement and Development of Evidence-based care in Heart disease Evaluated According to Recommended Therapy ) tra il 2003 e il 2013 per gli eventi di esito nello Swedish Cause of Death Register e nel National Patient Register.

Su 199.162 ricoveri per infarto miocardico, sono stati identificati 9.466 pazienti con MINOCA.
Tra questi, i 9.136 pazienti sopravvissuti i primi 30 giorni dopo la dimissione hanno costituito la popolazione dello studio.
L’età media era di 65.3 anni, e il 61% era rappresentato da donne.
Nessun paziente è stato perso al follow-up.

È stata stimata l'associazione tra trattamento ed esito confrontando i gruppi trattati e non-trattati.
Le esposizioni sono state: trattamento alla dimissione con statine, inibitori dell'enzima di conversione dell’angiotensina / bloccanti del recettore dell’angiotensina, beta-bloccanti e doppia terapia antiaggregante.

L'endpoint primario erano gli eventi avversi cardiaci definiti come mortalità totale, ospedalizzazione per infarto miocardico, ictus ischemico e insufficienza cardiaca.

Alla dimissione, l'84.5%, il 64.1%, l'83.4% e il 66.4% dei pazienti erano in trattamento, rispettivamente, con statine, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina / bloccanti del recettore dell’angiotensina, beta-bloccanti e terapia antiaggregante.

Durante un follow-up medio di 4.1 anni, 2.183 pazienti ( 23.9% ) hanno manifestato un importante evento cardiaco avverso.
I rapporti di rischio per gli eventi cardiaci avversi sono stati 0.77, 0.82 e 0.86, rispettivamente, nei pazienti con statine, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina / bloccanti del recettore dell’angiotensina, e beta-bloccanti.

Per i pazienti in terapia antiaggregante seguiti per 1 anno, l'hazard ratio ( HR ) è stato pari a 0.90.

In conclusione, i risultati hanno indicato effetti benefici a lungo termine del trattamento con statine e inibitori dell'enzima di conversione dell’angiotensina / antagonisti del recettore dell'angiotensina sull'esito nei pazienti con MINOCA, una tendenza verso un effetto positivo del trattamento con beta-bloccanti, e un effetto neutro della doppia terapia antiaggregante.
Sono necessari studi clinici randomizzati alimentati correttamente per confermare questi risultati. ( Xagena2017 )

Lindahl B et al, Circulation 2017; 135: 1481-1489

Cardio2017 Farma2017


Indietro