52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Rischio maggiore di demenza vascolare nei pazienti sopravvissuti a infarto miocardico


L’aumento del rischio di demenza dopo infarto miocardico può essere mediato da fattori di rischio condivisi ( ad esempio, aterosclerosi ) e da ictus post-infarto.
È stato esaminato il rischio di demenza nei sopravvissuti a 1 anno di infarto miocardico.

Usando registri medici danesi, è stato condotto uno studio di coorte a livello nazionale basato sulla popolazione di tutti i pazienti con primo infarto miocardico e una coorte di confronto di popolazione generale abbinata per sesso, anno di nascita e anno senza infarto ( 1980-2012 ).
Sono stati calcolati gli hazard ratio aggiustati da 1 a 35 anni ( aHR ) per la demenza, controllati per fattori abbinati e aggiustati per le comorbilità e lo stato socio-economico.

Sono stati identificati 314.911 pazienti con infarto miocardico e 1.573.193 membri della coorte di confronto casualmente prelevati dalla popolazione generale ( età media, 70 anni, 63% maschi ).

Dopo 35 anni di follow-up, l'incidenza cumulativa di tutte le cause di demenza nella coorte infarto è stata del 9% ( 2.8% per la malattia di Alzheimer, 1.6% per la demenza vascolare e 4.5% per altre demenze ).

Rispetto alla coorte di popolazione generale, l'infarto miocardico non è stato associato a demenza per tutte le cause ( aHR, 1.01 ).

Il rischio di malattia di Alzheimer ( aHR, 0.92 ) e altre forme di demenza ( aHR, 0.98 ) si è anch'esso avvicinato all'unità.

Tuttavia, l'infarto miocardico è stato associato a un più alto rischio di demenza vascolare ( aHR, 1.35 ), che è risultato sostanzialmente rafforzato per i pazienti con ictus dopo infarto miocardico ( aHR, 4.48 ).

In conclusione, l'infarto miocardico è stato associato a un più alto rischio di demenza vascolare durante il follow-up, e questa associazione è stata più forte nei pazienti con ictus.
Il rischio di malattia di Alzheimer e altre forme di demenza non è risultato più elevato nei pazienti con infarto miocardico. ( Xagena2018 )

Sundbøll J et al, Circulation 2018; 137: 567-577

Cardio2018



Indietro