52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Riduzione della mortalità cardiaca con Bivalirudina in pazienti con infarto STEMI con e senza sanguinamento maggiore


Si è determinato se, in pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ), la riduzione della mortalità cardiaca nei soggetti trattati con Bivalirudina ( Angiomax, Angiox ), rispetto all’Eparina non-frazionata più un inibitore della glicoproteina IIb/IIIa ( UFH + GPI ) possa essere completamente attribuita a un ridotto sanguinamento.

L'associazione tra complicanze emorragiche e mortalità può spiegare il beneficio di sopravvivenza con Bivalirudina.

In totale, 3.602 pazienti con infarto STEMI sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario sono stati randomizzati a Bivalirudina versus UFH + GPI.

La mortalità cardiaca a 3 anni è stata analizzata nei pazienti con e senza sanguinamento maggiore.

Quando è stata confrontata con Eparina non-frazionata + inibitore della glicoproteina IIb/IIIa, la Bivalirudina ha comportato più bassi tassi di sanguinamento maggiore a 3 anni ( 6.9% vs 10.5%, hazard ratio, HR=0.64, P minore di 0.0001 ) e di mortalità cardiaca ( 2.9% vs 5.1%, HR=0.56, P=0.001 ).

La mortalità cardiaca a 3 anni si è ridotta nei pazienti trattati con Bivalirudina con sanguinamento maggiore ( 20 decessi in meno con Bivalirudina; 5.8% vs 14.6%, P=0.025 ) e senza sanguinamento maggiore ( 18 morti in meno con Bivalirudina; 2.6% vs 3.8%, P=0.048 ).

In un modello multivariato completamente aggiustato per il sanguinamento maggiore e altri eventi avversi, la Bivalirudina è risultata ancora associata a una riduzione del 43% nella mortalità cardiaca a 3 anni ( HR aggiustato: 0.57, P=0.003 ).

In conclusione, la Bivalirudina riduce la mortalità cardiaca nei pazienti con infarto STEMI sottoposti a procedura primaria PCI, un effetto che può solo in parte essere attribuito alla prevenzione del sanguinamento.
Sono necessari ulteriori studi per individuare i benefici non-ematologici della Bivalirudina. ( Xagena2014 )

Stone GW et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 15-20

Cardio2014 Farma2014


Indietro