Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La Dalteparina, come terapia adiuvante, nell’infarto miocardico acuto


La rapida riperfusione di un arteria correlata all’infarto provoca la riduzione della dimensione del danno miocardico e migliora la sopravvivenza nell’infarto acuto.
Attualmente il trattamento anticoagulante con Eparina non-frazionata è impiegato come terapia adiuvante al trattamento fibrinolitico. La Dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare, risulta efficace quanto l’Eparina non-frazionata nell’angina instabile. Lo studio ASSENT-PLUS è stato eseguito con l’obiettivo di valutare se la Dalteparina sia efficace quanto l’Eparina non-frazionata come terapia adiuvante al fibrinolitico TPA (attivatore del plasminogeno tessutale) e all’Aspirina nei pazienti con infarto miocardico acuto.
I pazienti con infarto miocardico ed innalzamento del tratto ST sono stati randomizzati a ricevere TPA ed Eparina non frazionata o TPA e Dalteparina, per 4-7 giorni. Il trattamento con TPA e Dalteparina è risultato più efficace in una maggiore percentuale di pazienti con flusso TIMI-3. L’incidenza di sanguinamenti è stata identica per tutti e due i gruppi, mentre il reinfarto è risultato minore nel gruppo trattato con Dalteparina.

Vallentini L et al, Clin Cardiol 2001; 24 (3 Suppl): I 12-14

Xagena


Indietro