52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Gli ACE inibitori riducono l'incidenza di MACE nei pazienti con infarto miocardico senza sopraslivellamento ST dopo procedura PCI di successo


In un confronto tra inibitori del sistema renina-angiotensina utilizzati per il trattamento dei pazienti con diabete mellito e infarto miocardico senza sopraslivellamento del segmento ST ( NSTEMI ), gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitori ) sono risultati più efficaci nel ridurre l'incidenza di rivascolarizzazione e gli eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ) rispetto ai bloccanti dei recettori dell'angiotensina II ( ARB; sartani ).

Questo studio di coorte ha messo a confronto l'efficacia protettiva e la sicurezza degli ACE inibitori versus i sartani nei pazienti con diabete mellito e infarto NSTEMI sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) con stent a rilascio di farmaco.

Sono stati arruolati 3426 pazienti del Korea Acute Myocardial Infarction Registry, a cui era stato diagnosticato il diabete mellito e l'infarto NSTEMI.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a intervento coronarico percutaneo con stent medicati e sono stati classificati come riceventi ACE inibitori ( n = 2076 ) o sartani ( n = 1350 ).

I ricercatori dello studio hanno seguito entrambi i gruppi fino a 2 anni, e hanno confrontato i risultati del singolo trattamento, inclusi gli eventi avversi cardiaci maggiori, l'infarto miocardico ricorrente, la rivascolarizzazione e la mortalità.

Dopo aggiustamento per i confondenti, i ricercatori hanno eseguito una analisi PSM ( propensity score matching ), utilizzando un modello di regressione logistica per generare due gruppi corrispondenti di 1103 soggetti ( n = 2206 ).

Dopo l'analisi PSM, l'incidenza di rivascolarizzazione ( rischio relativo, RR=0.55, IC 95%, 0.37-0.81, P = 0.002 ) e degli eventi avversi cardiaci maggiori ( RR=0.69, IC 95%, 0.53-0.91, P = 0.008 ) è risultata significativamente più bassa nel gruppo ACE inibitori rispetto al gruppo sartani.

Non c'è stata differenza tra i gruppi se confrontati con i decessi totali e l'infarto miocardico ricorrente.
Nelle analisi di sottogruppi, il gruppo trattato con ACE inibitori ha dimostrato un effetto benefico sugli esiti cardiaci in popolazioni che avevano meno di 75 anni e di sesso femminile; con ipertensione senza storia di cardiopatia ischemica, malattia monovasale o infarto correlato all'arteria discendente anteriore sinistra; e avevano ricevuto stent a rilascio di Paclitaxel. ( Xagena2018 )

Fonte: Atherosclerosis, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro