Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Fibrillazione atriale e mortalità dopo infarto miocardico


La fibrillazione atriale spesso coesiste con l’infarto del miocardio, ma la sua influenza prognostica è ancora oggetto di discussione.

Precedenti report hanno studiato la relazione della fibrillazione atriale durante la precoce ospedalizzazione per infarto miocardico acuto ( IMA ) con il rischio di decesso, e non hanno valutato la tempistica della fibrillazione atriale in relazione a infarto del miocardio ( cioè, prima, durante, dopo ).
Inoltre, poiché i dati provengono soprattutto da studi clinici, la loro applicabilità alla comunità è incerta.

È stato condotto uno studio con gli obiettivi di valutare la manifestazione di fibrillazione atriale in pazienti con infarto del miocardio, determinare se è cambiata nel tempo, e quantificarne l’impatto e l’impatto della tempistica sulla mortalità dopo infarto del miocardio.

Lo studio di coorte di comunità ha coinvolto 3220 pazienti ospedalizzati con infarto del miocardio incidente ( primo in assoluto ) dal 1983 al 2007 a Olmsted County, Stati Uniti.

Gli esiti erano rappresentati da mortalità per tutte le cause e mortalità cardiovascolare.

La fibrillazione atriale prima dell’infarto miocardico è stata identificata in 304 pazienti e 729 hanno sviluppato fibrillazione atriale dopo infarto del miocardio ( 30% entro 2 giorni, 16% tra 3 e 30 giorni e 54% più di 30 giorni dopo infarto del miocardio ).

L’incidenza cumulativa di fibrillazione atriale dopo infarto del miocardio a 5 anni è stata del 19%, e non è cambiata con l’anno di calendario dell’infarto del miocardio ( l’incidenza di fibrillazione atriale è rimasta la stessa indipendentemente da quando si è verificato l’infarto ).

In un follow-up medio di 6.6 anni, si sono verificati 1638 decessi.

La fibrillazione atriale è risultata associata a un aumento del rischio di mortalità ( hazard ratio, HR=3.77 ), indipendentemente dalle caratteristiche cliniche al momento dell’infarto del miocardio e da scompenso cardiaco.

Questo rischio ha mostrato differenze marcate in accordo con la tempistica della fibrillazione atriale ed è risultato massimo quando la fibrillazione atriale si è manifestata oltre 30 giorni dopo l’infarto miocardico ( HR=1.63 per fibrillazione atriale entro 2 giorni, HR=1.81 per fibrillazione atriale tra 3 e 30 giorni e HR=2.58 per fibrillazione atriale oltre 30 giorni dopo l’infarto del miocardio ).

In conclusione, nella popolazione di comunità, la fibrillazione atriale è risultata frequente nel contesto dell’infarto miocardico.
La fibrillazione atriale è associata a un eccesso di rischio di mortalità, che è massimo per lo sviluppo di fibrillazione atriale oltre 30 giorni dopo l’infarto. ( Xagena2011 )

Jabre P et al, Circulation 2011; 123: 2094-2100


Cardio2011



Indietro