52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Esiti a 1 anno dei pazienti sottoposti ad angioplastica primaria per infarto miocardico trattati con Prasugrel versus Ticagrelor


I primi dati dello studio PRAGUE-18 ( Comparison of Prasugrel and Ticagrelor in the Treatment of Acute Myocardial Infarction ) non hanno mostrato differenze significative tra due potenti inibitori P2Y12.

Il follow-up a 1 anno dello studio PRAGUE-18 si è concentrato su un confronto tra efficacia e sicurezza tra Prasugrel ( Efient ) e Ticagrelor ( Brilique ) e sul rischio di eventi ischemici maggiori correlati a un passaggio a Clopidogrel ( Plavix ) post-dimissione ospedaliera per motivi economici.

In totale 1.230 pazienti con infarto miocardico acuto, trattati con intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario sono stati randomizzati a Prasugrel o Ticagrelor con una durata di trattamento prevista di 12 mesi.

L'endpoint combinato era morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus a 1 anno.

Poiché i pazienti dovevano coprire i costi del farmaco in studio dopo la dimissione ospedaliera, alcuni pazienti hanno deciso di passare a Clopidogrel.

L'endpoint si è verificato nel 6.6% dei pazienti trattati con Prasugrel e nel 5.7% dei pazienti trattati con Ticagrelor ( hazard ratio, HR=1.147; P=0.503 ).

Non sono state riscontrate differenze significative riguardo a: morte cardiovascolare ( 3.3% vs 3.0%; P=0.769 ), infarto miocardico ( 3.0% vs 2.5%; P=0.611 ), ictus ( 1.1% vs 0.7%; P=0.423 ), morte per tutte le cause ( 4.7% vs 4.2%; P=0.654 ), trombosi dello stent ( 1.1% vs 1.5%; P=0.535 ), tutti i sanguinamenti ( 10.9% vs 11.1%; P=0.999 ) e sanguinamento maggiore TIMI ( 0.9% vs 0.7%; P=0.754 ).

La percentuale di pazienti passati a Clopidogrel per ragioni economiche è stata del 34.1% ( n=216 ) per Prasugrel e del 44.4% ( n=265 ) per Ticagrelor ( P=0.003 ).

I pazienti che erano motivati economicamente a passare a Clopidogrel avevano, rispetto ai pazienti che hanno continuato ad assumere i farmaci dello studio, un minor rischio di eventi cardiovascolari maggiori; tuttavia, avevano anche un rischio ischemico più basso.

In conclusione, Prasugrel e Ticagrelor sono risultati altrettanto efficaci durante il primo anno dopo infarto miocardico.
I passaggi precoci post-dimissione a Clopidogrel motivati ​​economicamente non sono stati associati a un aumentato rischio di eventi ischemici. ( Xagena2018 )

Motovska Z et al, J Am Coll Cardiol 2018; 71: 371-381

Cardio2018 Farma2018


Indietro