Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Efficacia del pretrattamento con Clopidogrel prima dell’intervento coronarico percutaneo nei pazienti con infarto miocardico trattati con fibrinolitici


Resta motivo di discussione l’effetto del pretrattamento con Clopidogrel ( Plavix ) prima di un intervento coronarico percutaneo ( PCI ).

Uno studio ha valutato se il beneficio del pretrattamento con Clopidogrel prima di un intervento coronarico percutaneo nei pazienti con recente infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) fosse superiore ad un trattamento con Clopidogrel iniziato al momento dell’intervento coronarico percutaneo per prevenire i maggiori eventi cardiovascolari avversi.

Lo studio CLARITY ( PCI-Clopidogrel as Adjunctive Reperfusion Therapy ) ha interessato 1.863 pazienti che si erano sottoposti ad intervento coronarico percutaneo dopo angiografia nel CLARITY- TIMI 28, uno studio che ha confrontato il Clopidogrel con il placebo nei pazienti trattati con fibrinolitici per STEMI.

I partecipanti sono stati trattati con Aspirina, e sono stati assegnati in modo random a ricevere un trattamento con Clopidogrel ( dose di carico da 300mg, poi 75mg una volta al giorno ) o placebo, al momento della fibrinolisi e somministrati fino all’ angiografia coronarica, che è stata effettuata 2-8 giorni dopo la randomizzazione.

Ai pazienti sottoposti a stent coronario, è stato raccomandato di assumere Clopidogrel ( compresa la dose di carico ) dopo l’angiogramma diagnostico.

L’outcome ( esito ) primario composito era rappresentato dall’incidenza di morte cardiovascolare, recidiva di infarto miocardico o ictus dall’intervento coronario percutaneo a 30 giorni dalla randomizzazione.
L’outcome secondario invece comprendeva l’infarto miocardico o l’ictus prima del PCI e l’outcome composito, dalla randomizzazione al 30° giorno.

Il trattamento con Clopidogrel ha significativamente ridotto l’incidenza di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus dopo il PCI ( 34 versus 58; odds ratio aggiustato, OR = 0.54; p = 0.008 ).
Il trattamento con Clopidogrel ha anche ridotto l’incidenza di infarto miocardico o di ictus prima del PCI ( 37 versus 58; OR = 0.62; p = 0.03 ).

In generale, il pretrattamento con Clopidogrel ha prodotto una riduzione altamente significativa nella mortalità cardiovascolare, infarto miocardico o nell’ictus dalla randomizzazione e fino a 30 giorni ( 70 versus 112; OR aggiustato = 0.59; p = 0.001; numero necessario per il trattamento, NNT = 23 ).

Non è stato riscontrato un significativo aumento nella percentuale di sanguinamento.

Lo studio ha dimostrato che il pretrattamento con Clopidogrel ha ridotto notevolmente l’incidenza di morte cardiovascolare o di complicanze ischemiche sia prima che dopo l’intervento coronarico percutaneo senza significativi incrementi nel sanguinamento maggiore o minore.

I risultati ottenuti incoraggiano l’impiego precoce del Clopidogrel nell’infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, e l’adozione della strategia del pretrattamento di routine con Clopidogrel nei pazienti sottoposti ad intervento coronarico percutaneo. ( Xagena2005 )

Sebatin MS et al, JAMA 2005; 294 : 1224-1232

Cardio2005 Farma2005


Indietro