Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Effetto di Evolocumab sul tipo e sulla dimensione del successivo infarto miocardico: analisi dello studio FOURIER


L'inibitore di PCSK9 Evolocumab ( Repatha ) ha ridotto gli eventi vascolari maggiori nello studio FOURIER ( Further Cardiovascular Outcomes Research With PCSK9 Inhibition in Subjects With Elevated Risk ), tuttavia i tipi e le dimensioni degli esiti miocardici in FOURIER non sono stati esaminati in precedenza.

Sono stati presi in esame i tipi e le dimensioni dell'infarto del miocardio e l'effetto di Evolocumab sull'infarto miocradico per sottotipo in una analisi prespecificata.
I pazienti sono stati randomizzati a Evolocumab oppure a placebo, e seguiti per una mediana di 2.2 anni.
Lo studio ha riguardato 27.564 pazienti con malattia aterosclerotica stabile in terapia con statine.
Gli endpoint clinici sono stati valutati dal Comitato per gli eventi clinici di trombolisi nell'infarto miocardico.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2013-2016.

L’esito principale, l'infarto del miocardio, è stato definito sulla base della terza definizione di infarto miocardico universale e ulteriormente classificato in base al tipo di infarto miocardico ( sottoclasse infarto miocardico universale, infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST [ STEMI ] versus non-STEMI ) e in base alle dimensioni dell'infarto miocardico determinato dal livello di picco della troponina.

In totale sono stati randomizzati 27.564 pazienti, con un'età media di 62.5 anni; 20.795 ( 75% ) erano di sesso maschile. Di questi, 1.107 hanno manifestato in totale 1.288 infarti miocardici.
La maggior parte degli infarti miocardici ( 68% ) erano aterotrombotici ( tipo 1 ), con il 15% da mancata corrispondenza tra domanda e apporto di ossigeno del miocardio ( tipo 2 ) e 15% correlata all'intervento coronarico percutaneo [ PCI ] ( tipo 4 ).

La morte improvvisa ( tipo 3 ) e il bypass coronarico correlato al trapianto ( tipo 5 ) hanno rappresentato in totale 21 infarti miocardici ( inferiore al 2% ).
Evolocumab ha ridotto significativamente il rischio di primo infarto miocardico del 27% ( 4.4% vs 6.3%; hazard ratio, HR, 0.73; P minore di 0.001), tipo 1 del 32% ( 2.9% vs 4.5 %; HR, 0.68; P minore di 0.001 ) e tipo 4 del 35% ( 0.8% vs 1.1%; HR, 0.65; P=0.004 ), senza alcun effetto sul tipo 2 ( 0.9% vs 0.8%; HR, 1.09; P=0.56 ).

La maggior parte degli infarti miocardici ( 688, 59.8% ) presentava livelli di troponina maggiori o uguali a 10 volte il limite superiore della norma.
Il beneficio è stato altamente significativo e costante indipendentemente dalle dimensioni dell' infarto miocardico con una riduzione del 34% degli infarti miocardici con un livello di troponina maggiore o uguale a 10 volte il limite superiore della norma ( 2.6% vs 3.7%; HR, 0.66; P minore di 0.001 ) e una riduzione del 36% del rischio di infarto STEMI ( 1.0% vs 1.5%; HR, 0.64; P minore di 0.001 ).

In conclusione, l'abbassamento del colesterolo LDL con Evolocumab è risultato altamente efficace nel ridurre il rischio di infarto miocardico. Questa riduzione con Evolocumab ha apportato benefici in più sottotipi di infarto miocardico correlati alla rottura della placca, infarti miocardici più piccoli e più grandi e infarto STEMI e infarto non-STEMI.

Questi dati sono coerenti con il noto beneficio dell'abbassamento del colesterolo LDL e sottolineano la riduzione degli eventi clinicamente significativi. ( Xagena2020 )

Wiviott SD et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 787-793

Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro