Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto della Colchicina sulla lesione miocardica nell'infarto miocardico acuto


L'infiammazione è un fattore chiave del danno miocardico nell'infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) riperfuso.
Si è ipotizzato che la Colchicina, un potente agente antinfiammatorio, possa ridurre le dimensioni dell'infarto e il rimodellamento ventricolare sinistro nella fase acuta dell'infarto STEMI.

In uno studio multicentrico in doppio cieco, sono stati assegnati in modo casuale pazienti ricoverati per un primo episodio di infarto STEMI assegnati ad intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario a ricevere Colchicina orale ( dose di carico di 2 mg seguita da 0.5 mg 2 volte al giorno ) o placebo dall'ammissione al giorno 5.

L'esito primario di efficacia della dimensione dell'area infartuale è stato determinato mediante risonanza magnetica cardiaca a 5 giorni.
La variazione relativa del volume telediastolico del ventricolo sinistro a 3 mesi e la dimensione dell'area infartuale a 3 mesi valutati mediante risonanza magnetica cardiaca erano tra gli esiti secondari.

Sono stati arruolati 192 pazienti, 101 nel gruppo Colchicina e 91 nel gruppo di controllo.

A 5 giorni, la dimensione dell'area infartuale definita dalla captazione del Gadolinio non differiva tra i gruppi Colchicina e placebo con una media di 26 intervalli interquartili [ IQR ] rispetto a 28.4 IQR grammi di massa ventricolare sinistra, rispettivamente ( P=0.87 ).

A 3 mesi di follow-up, non vi era alcuna differenza significativa nel rimodellamento del ventricolo sinistro tra i gruppi Colchicina e placebo con un +2.4% ( IQR, da -8.3% a 11.1% ) rispetto a -1.1% ( IQR, da -8.0% a 9.9% ) di variazione del volume telediastolico ventricolare sinistro ( P=0.49 ).

Anche la dimensione dell'infarto a 3 mesi non è risultata significativamente diversa tra i gruppi Colchicina e placebo ( rispettivamente 17 IQR vs 18 IQR grammi di massa ventricolare sinistra; P=0.92 ).

L'incidenza di eventi avversi gastrointestinali durante il periodo di trattamento è stata maggiore con la Colchicina rispetto al placebo ( 34% vs 11%, rispettivamente; P=0.0002 ).

In questo studio randomizzato, controllato con placebo, la somministrazione orale di Colchicina ad alte dosi al momento della riperfusione e per 5 giorni non ha ridotto la dimensione dell'area infartuale valutata mediante risonanza magnetica cardiaca. ( Xagena2021 )

Mewton N et al, Circulation 2021; 144: 859-869

Cardio2021 Farma2021


Indietro