Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Effetto del Metoprololo somministrato precocemente sulle dimensioni dell’infarto STEMI dopo intervento coronarico percutaneo primario


L'effetto dei beta-bloccanti sulle dimensioni dell'infarto miocardico, usati in combinazione con l’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) è sconosciuto.
Si ipotizza che il Metoprololo ( Lopresor, Seloken ) riduca la dimensione infartuale quando è somministrato precocemente ( per via endovenosa prima della riperfusione ).

I pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ) anteriore di classe Killip II o inferiore sottoposti a intervento coronarico percutaneo entro 6 ore dai sintomi di esordio sono stati randomizzati a ricevere Metoprololo per via endovenosa ( n=131 ) oppure a non-riceverlo ( controllo, n=139 ) prima della riperfusione.

Tutti i pazienti senza controindicazioni hanno ricevuto Metoprololo per via orale entro 24 ore.

L'endpoint primario predefinito era rappresentato dalle dimensioni dell'infarto visibili alla risonanza magnetica effettuata 5-7 giorni dopo infarto STEMI.

La risonanza magnetica è stata eseguita in 220 pazienti ( 81% ).
La dimensione media dell’infarto alla risonanza magnetica è stata più piccola dopo Metoprololo per via endovenosa rispetto ai controlli ( 25.6 vs 32.0 g; differenza aggiustata, -6.52, P=0.012 ).

Nei pazienti con flusso TIMI di grado 0-1 prima dell’intervento coronarico percutaneo, la differenza di trattamento aggiustata nella dimensione dell'infarto è stata di -8.13 ( P=0.0024 ).

La dimensione dell'infarto stimata ai livelli di picco e all'area sotto la curva ( AUC ) della creatin-chinasi è stata misurata in tutte le popolazioni di studio ed è risultata significativamente ridotta dal Metoprololo per via endovenosa.

La frazione di eiezione ventricolare sinistra era più alta nel gruppo Metoprololo per via endovenosa ( differenza aggiustata, 2.67%, P=0.045 ).

Il composito di morte, aritmie ventricolari maligne, shock cardiogeno, blocco atrioventricolare e reinfarto a 24 ore nei gruppi Metoprololo per via endovenosa e di controllo è stato del 7.1% e del 12.3%, rispettivamente ( P=0.21 ).

In conclusione, nei pazienti con infarto del miocardio STEMI anteriore di classe Killip II o inferiore sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario, il Metoprololo somministrato precocemente per via endovenosa prima della riperfusione ha ridotto la dimensione dell’infarto e ha aumentato la frazione di eiezione ventricolare sinistra senza un eccesso di eventi avversi durante le prime 24 ore dopo infarto STEMI. ( Xagena2013 )

Ibanez B et al, Circulation 2013; 128: 1495-1503

Cardio2013 Farma2013


Indietro