Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Durata del rischio aumentato di ictus ischemico dopo infarto miocardico acuto


La durata del rischio aumentato di ictus dopo infarto miocardico acuto rimane incerta. È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo utilizzando dati ottenuti tra il 2008 e il 2015 da un campione rappresentativo a livello nazionale del 5% di beneficiari di assistenza sanitaria Medicare di età maggiore o uguale a 66 anni.

Sia l'infarto miocardico acuto che l'ictus ischemico sono stati accertati utilizzando i codici diagnostici precedentemente convalidati International Classification of Diseases, Ninth Revision, Clinical Modification ( ICD-9-CM ).
Per escludere gli ictus periprocedurali dall'intervento coronarico percutaneo ( PCI ), non sono stati considerati gli ictus che si sono verificati durante un ricovero in ospedale per infarto miocardico acuto.

I pazienti sono stati censurati al momento dell'ictus ischemico, della morte, della fine della copertura di Medicare o del 30 settembre 2015.
Per i gruppi con e senza infarto miocardico acuto è stata esaminata l’associazione con ictus ischemico dopo aggiustamento per dati demografici, fattori di rischio di ictus e comorbidità di Charlson.

Tra 1.746.476 beneficiari ammissibili, 46.182 sono stati ospedalizzati per infarto miocardico acuto e 80.466 per ictus ischemico.

Dopo aggiustamento per i dati demografici, i fattori di rischio di ictus e le comorbidità di Charlson, il rischio di ictus ischemico è risultato più alto nelle prime 4 settimane dopo la dimissione dal ricovero ospedaliero per infarto miocardico ( hazard ratio, HR=2.7 ), è rimasto elevato durante le settimane da 5 a 8 ( HR=2.0 ) e nelle settimane da 9 a 12 ( HR=1.6 ) e non era più significativamente elevato in seguito.

In conclusione, l'infarto miocardico acuto è associato a un rischio elevato di ictus ischemico che sembra estendersi oltre la finestra di un mese che è attualmente considerata il periodo a rischio. ( Xagena2018 )

Merkler AE et al, J Am Heart Assoc. 2018;7(22):e010782. doi: 10.1161/JAHA.118.010782.

Cardio2018 Neuro2018



Indietro