Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Doppia terapia antiaggregante a lungo termine per la prevenzione secondaria degli eventi cardiovascolari nei pazienti con pregresso infarto del miocardio


Studi recenti hanno esaminato l'effetto di una prolungata duplice terapia antiaggregante ( DAPT ) in una varietà di popolazioni di pazienti, con risultati eterogenei relativamente a vantaggi e sicurezza, in particolare per quanto riguarda la mortalità cardiovascolare e non-cardiovascolare.

È stata effettuata una meta-analisi di studi clinici randomizzati che hanno confrontato la duplice terapia antiaggregante per più di un anno con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) da sola in pazienti ad alto rischio con una storia di precedente infarto del miocardio.

In totale, 33.435 pazienti sono stati seguiti per una media di 31 mesi in uno studio di pazienti con precedente infarto miocardico ( 63.3% del totale ) e cinque studi con un sottogruppo di pazienti che si sono presentati con infarto miocardico, o avevano una storia di precedente infarto miocardico ( 36.7% del totale ).

La duplice terapia antiaggregante estesa ha diminuito il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori rispetto alla sola Aspirina ( 6.4% vs 7.5%; risk ratio, RR 0.78, P=0.001 ) e ha ridotto la morte cardiovascolare ( 2.3% vs 2.6%; RR=0.85, P=0.03 ), senza alcun aumento della mortalità non-cardiovascolare ( RR=1.03, P=0.76 ).

L'effetto risultante sulla mortalità per qualsiasi causa è stato un RR di 0.92 ( P=0.13 ).

La duplice terapia antiaggregante estesa ha ridotto anche l’infarto miocardico ( RR=0.70, P=0.003 ), ictus ( RR=0.81, P=0.02 ), e trombosi dello stent ( RR=0.50, P=0.02 ).

C'è stato un aumento del rischio di sanguinamento maggiore ( 1.85% vs 1.09%; RR=1.73, P=0.004 ), ma non emorragia fatale ( 0.14% vs 0.17%; RR=0.91, P=0.75 ).

In conclusione, rispetto alla sola Aspirina, la duplice terapia antiaggregante per oltre 1 anno nei pazienti, con precedente infarto miocardico, ad alto rischio stabilizzati, ha ridotto gli eventi ischemici, con riduzioni significative nei singoli endpoint di morte cardiovascolare, infarto miocardico ricorrente e ictus.
La doppia terapia antiaggregante per oltre 1 anno aumenta il sanguinamento maggiore, ma non il sanguinamento non-fatale o la morte non-cardiovascolare. ( Xagena2016 )

Udell JA et al, Eur Heart J 2016; 37: 390-399

Cardio2016 Farma2016


Indietro