52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Dapagliflozin ed esiti cardiovascolari nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e precedente infarto del miocardio: sottoanalisi dallo studio DECLARE-TIMI 58


Gli inibitori SGLT ( co-trasportatore sodio-glucosio ) riducono il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e una storia di malattia cardiovascolare aterosclerotica.
A causa del loro rischio di base, i pazienti con precedente infarto del miocardio possono trarre un beneficio ancora maggiore dalla terapia con inibitori del co-trasportatore sodio glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ).

DECLARE-TIMI 58 ( Dapagliflozin Effect on Cardiovascular Events-Thrombolysis in Myocardial Infarction 58 ) ha randomizzato 17.160 pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata ( n=6.974 ) o molteplici fattori di rischio ( n=10.186 ) a Dapagliflozin versus placebo.

I due endpoint primari erano compositi di MACE ( morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ischemico ) e compositi di morte cardiovascolare o ricovero per insufficienza cardiaca.
I pazienti con precedente infarto miocardico ( n=3.584 ) costituivano un sottogruppo prespecificato di interesse.

Nei pazienti con precedente infarto miocardico ( n=3.584 ), Dapagliflozin ( Forxiga ) ha ridotto il rischio relativo di MACE del 16% e il rischio assoluto del 2.6% ( 15.2% vs 17.8%; hazard ratio, HR 0.84; P=0.039 ), mentre non vi è stato alcun effetto nei pazienti senza precedente infarto ( 7.1% vs 7.1%; HR, 1.00; P=0.97; P per l'interazione per la differenza relativa=0.11; P per interazione per la differenza di rischio assoluta=0.048 ), anche in pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata ma nessuna storia di infarto miocardico ( 12.6% vs 12.8%; HR, 0.98 ).

È sembrato esserci un beneficio maggiore per i MACE entro 2 anni dall'ultimo evento acuto ( P per trend di interazione=0.007 ).
Le riduzioni del rischio relativo di morte cardiovascolare / ricovero per insufficienza cardiaca sono apparse essere più simili, ma le riduzioni assolute del rischio tendevano ad essere maggiori: 1.9% ( 8.6% vs 10.5%; HR, 0.81; P=0.046 ) e 0.6% ( 3.9% vs 4.5%; HR, 0.85; P=0.055 ) nei pazienti con e senza precedente infarto miocardico, rispettivamente ( P per interazione per la differenza relativa=0.69; P per interazione per la differenza di rischio assoluto=0.010 ).

I pazienti con diabete mellito di tipo 2 e precedente infarto miocardico sono ad alto rischio di MACE e morte cardiovascolare / ricovero per insufficienza cardiaca.
Dapagliflozin sembra ridurre fortemente il rischio di entrambi gli esiti compositi in questi pazienti.
Gli studi futuri dovrebbero mirare a confermare i grandi benefici clinici con gli inibitori SGLT osservati in pazienti con precedente infarto miocardico. ( Xagena2019 )

Furtado RHM et al, Circulation 2019; 139: 2516-2527

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro