Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Controllo glicemico intensificato a base di Insulina dopo infarto miocardico: mortalità a 20 anni


I benefici del controllo glicemico intensificato dopo infarto miocardico acuto sono incerti.
Sono stati riportati i risultati del follow-up di 20 anni del primo studio DIGAMI 1 ( Diabetes Mellitus Insulin Glucose Infusion in Acute Myocardial Infarction ).

Lo studio DIGAMI 1 era uno studio randomizzato, in aperto, prospettico, con valutazione in cieco dell'endpoint ( PROBE ) effettuato in Unità coronariche di 19 ospedali svedesi tra il 1990 e il 1993.

I pazienti con e senza diabete mellito diagnosticato in precedenza e con concentrazioni glicemiche superiori a 11 mmol/l che avevano avuto un infarto miocardico acuto sospetto nelle precedenti 24 ore sono stati randomizzati a controllo glicemico intensificato a base di Insulina, per almeno 3 mesi, o a un gruppo di controllo con trattamento ipoglicemizzante convenzionale.

L'endpoint primario era la mortalità, sia nello studio originale che nella analisi di follow-up.

620 pazienti sono stati randomizzati a controllo glicemico intensificato a base di Insulina ( n=306 ) o al gruppo di controllo ( n=314 ).

Durante un periodo medio di follow-up di 7.3 anni, 271 pazienti ( 89% ) sono morti nel gruppo di controllo glicemico intensificato e 285 pazienti ( 91% ) sono morti nel gruppo di controllo glicemico standard.

Il tempo medio di sopravvivenza è stato di 7.0 anni nei pazienti del gruppo di controllo glicemico intensificato e di 4.7 anni nei pazienti del gruppo standard ( hazard ratio, HR=0.83; P=0.027 ).

L'effetto del controllo glicemico intensificato è stato evidente nel corso di 8 anni dopo la randomizzazione, aumentando la sopravvivenza di 2.3 anni.

Il controllo glicemico intensificato a base di Insulina dopo infarto miocardico acuto nei pazienti con diabete mellito e iperglicemia al momento del ricovero ha avuto un effetto duraturo sulla longevità.

Anche se l'effetto dell’abbassamento del glucosio potrebbe essere meno evidente con i farmaci ipolipemizzanti attualmente disponibili e più efficaci e i farmaci per abbassare la pressione, il miglioramento del controllo glicemico può essere ancora importante per la longevità dopo infarto miocardico acuto. ( Xagena2014 )

Ritsinger V et al, Lancet 2014;2:627-633

Cardio2014 Endo2014 Farma2014


Indietro