Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Benefici di Abciximab nei pazienti con infarto STEMI sottoposti ad intervento coronarico primario ed impianto di stent


Una meta-analisi ha valutato l’effetto dell’inibizione della glicoproteina IIb/IIIa nell’impianto di stent coronarico in pazienti con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento ST ( STEMI ).

La meta-analisi è stata compiuta utilizzando i dati degli studi ISAR-2, ADMIRAL ed ACE.

L’end point primario composito era rappresentato da morte o reinfarto fino a 3 anni di follow-up.

Un totale di 1101 pazienti con infarto STEMI, che dovevano sottoporsi ad intervento coronarico percutaneo ( PCI ) ed impianto di stent sono stati assegnati in modo casuale ad Abciximab ( ReoPro; n = 550 ) oppure a placebo ( n = 551 ).

La popolazione studiata presentava caratteristiche ad alto rischio: 41% di infarto miocardico anteriore, 30% con una precedente storia di infarto miocardico, 8.4% di shock cardiogenico e 3.1% di precedente bypass coronarico ( CABP ).

L’end point primario di morte o di reinfarto è risultato significativamente ridotto nel gruppo Abciximab: 19% con placebo e 12.9% con Abciximab ( RR = 0.633; p = 0.008 ).

La mortalità è stata ridotta da Abciximab ( 10.9% ) rispetto al placebo ( 14.3% ) ( RR = 0.695: p = 0.052 ), così come il reinfarto ( Abciximab: 2.3% versus placebo 5.5%; RR = 0.41; p = 0.013 ).

L’incidenza dei sanguinamenti maggiori è stata 2.5% e 2% con o senza Abciximab, rispettivamente ( valore non significativo ).

Secondo gli Autori, Abciximab ha un forte e persistente impatto sugli endpoint clinici nei pazienti con infarto STEMI, sottoposti a intervento coronarico primario e impianto di stent. ( Xagena2007 )

Montalescot G et al, Eur Heart J 2007; 28: 443-449


Cardio2007 Farma2007


Indietro