Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Angioplastica multivasale guidata da riserva di flusso frazionale nell'infarto miocardico


Nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ), il ricorso all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per ripristinare il flusso di sangue in una arteria coronarica correlata all'infarto migliora i risultati.
L'impiego della procedura PCI nelle arterie coronariche non-correlate a infarto rimane controverso.

Sono stati assegnati in modo casuale 885 pazienti con infarto STEMI e malattia multivasale sottoposti a PCI primario a una arteria coronarica correlata all'infarto a subire una rivascolarizzazione completa delle arterie coronariche non-correlate all’infarto guidata dalla riserva di flusso frazionale ( FFR ) ( 295 pazienti ) o a sottoporsi a nessuna rivascolarizzazione delle arterie coronariche non-correlate a infarto ( 590 pazienti ).

L’endpoint principale era un composito di morte per qualsiasi causa, infarto miocardico non-fatale, rivascolarizzazione ed eventi cerebrovascolari a 12 mesi.

L'esito primario si è verificato in 23 pazienti nel gruppo di rivascolarizzazione completa e in 121 pazienti nel gruppo di trattamento della sola arteria infarto-correlata che non hanno ricevuto la completa rivascolarizzazione, un dato che si traduce in 8 e 21 eventi per 100 pazienti ( hazard ratio, HR=0.35, P minore di 0.001 ).

La morte si è verificata in 4 pazienti nel gruppo di rivascolarizzazione completa e in 10 pazienti nel gruppo di trattamento della sola arteria correlata all'infarto ( 1.4% vs 1.7% ) ( HR=0.80 ), infarto miocardico in 7 e 28 pazienti, rispettivamente ( 2.4% vs 4.7% ) ( HR=0.50 ), rivascolarizzazione in 18 e 103 pazienti ( 6.1% vs 17.5% ) ( HR=0.32 ), ed eventi cerebrovascolari in 0 e 4 pazienti ( 0 vs 0.7% ).

In conclusione, nei pazienti con infarto STEMI e malattia multivasale sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario di una arteria correlata all'infarto, l'aggiunta di rivascolarizzazione completa FFR-guidata delle arterie non-correlate a infarto in ambito acuto ha determinato un rischio di un risultato cardiovascolare composito inferiore al rischio di coloro che sono stati trattati solo per l'arteria connessa all'infarto.
Questa scoperta è stata sostanzialmente sostenuta da una riduzione delle successive rivascolarizzazioni. ( Xagena2017 )

Smits PC et al, N Engl J Med 2017; 376: 1234-1244

Cardio2017



Indietro