52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Acidi grassi n-3 ed eventi cardiovascolari dopo infarto del miocardio


I risultati di studi prospettici di coorte, randomizzati e controllati, hanno fornito le prove dell'effetto protettivo degli Acidi grassi n-3 contro le malattie cardiovascolari.

Uno studio ha esaminato l'effetto degli Acidi grassi Omega-3 ( PUFA n-3 ) marini eicosapentaenoico ( EPA ) e docosaesaenoico ( DHA ) e dell'Acido alfa-linoleico derivato dalle piante sul tasso di eventi cardiovascolari in pazienti con pregresso infarto miocardico.

Nello studio multicentrico, in doppio cieco e placebo controllato, 4837 pazienti di età compresa tra 60 e 80 anni ( 78% uomini ) con pregresso infarto del miocardio e che stavano ricevendo la terapia corrente anti-ipertensiva, anti-trombotica e di modificazione dei lipidi, sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere per 40 mesi una delle 4 margarine dello studio: margarina supplementata con una combinazione di Acido eicosapentaenoico e Acido docosaesaenoico ( con l'obiettivo di un’assunzione addizionale giornaliera dei due acidi pari a 400 mg ), una margarina supplementata con Acido alfa-linoleico ( per un'assunzione addizionale giornaliera di Acido alfa-linoleico di 2 g ), una margarina supplementata con Acido eicosapentaenoico e Acido docosaesaenoico e Acido alfa-linoleico o una margarina placebo.

L'end point primario era il tasso di eventi cardiovascolari maggiori, che comprendeva eventi cardiovascolari fatali e non-fatali e interventi cardiaci.

I dati sono stati analizzati secondo l’approccio intention-to-treat con l'utilizzo di modelli di rischio proporzionali di Cox.

I pazienti hanno consumato, in media, 18.8 g di margarina al giorno per un'assunzione addizionale di 226 mg di Acido eicosapentaenoico combinato con 150 mg di Acido docosaesaenoico, 1.9 g di Acido alfa-linoleico o entrambi nei gruppi con trattamento attivo.

Nel periodo di follow-up, nel 13.9% ( n=671 ) dei pazienti è stato osservato un evento cardiovascolare maggiore.

Né l’Acido eicosapentaenoico - Acido docosaesaenoico né l’Acido alfa-linoleico hanno ridotto questo endpoint primario ( hazard ratio con EPA-DHA: 1.01, P=0.93; hazard ratio Acido alfa-linoleico 0.91, P=0.20 ).

Nel gruppo pre-specificato di donne, rispetto a placebo e EPA-DHA da soli, l'Acido alfa-linoleico è risultato associato a una riduzione nel tasso di eventi cardiovascolari maggiori vicina alla significatività ( HR=0.73; P=0.07 ).

Il tasso di eventi avversi non ha mostrato differenze significative tra i gruppi.

In conclusione, una supplementazione con bassa dose di EPA-DHA o Acido alfa-linoleico non ha ridotto in modo significativo il tasso di eventi cardiovascolari maggiori tra pazienti con pregresso infarto miocardico e in trattamento con terapia corrente anti-ipertensiva, anti-trombotica e di modificazione dei lipidi. ( Xagena2010 )

Kromhout D et al, N Engl J Med 2010; 363: 2015-26



Farma2010 Cardio2010


Indietro