CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
Prevenzione malattie cardiovascolari
Ematologia.net

Rivascolarizzazione completa versus trattamento della lesione interessata nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST e malattia multivasale


I pazienti con infarto del miocardio acuto con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ) e malattia coronarica multivasale hanno una prognosi peggiore rispetto agli individui con malattia di un singolo vaso.

È stato studiato il decorso clinico dei pazienti con infarto STEMI trattati con completa rivascolarizzazione guidata da riserva frazionale di flusso ( FFR ) rispetto al trattamento della sola arteria correlata all’infarto.

È stato intrapreso uno studio in aperto, randomizzato e controllato presso due ospedali universitari in Danimarca.
Sono stati inclusi i pazienti con infarto STEMI che avevano una o più stenosi coronarica clinicamente significativa oltre alla lesione nell'arteria dell'infarto miocardico.
Dopo un efficace intervento coronarico percutaneo ( PCI ) dell'arteria correlata all’infarto, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a nessun ulteriore trattamento invasivo o a completa rivascolarizzazione FFR-guidata prima della dimissione.

L'endpoint primario era un composito di mortalità per tutte le cause, reinfarto non-fatale, e rivascolarizzazione guidata da ischemia delle lesioni nelle arterie non-correlate a infarto ed è stato valutato quando l'ultimo paziente iscritto era stato seguito per 1 anno.

Dal 2011 al 2014, sono stati arruolati 627 pazienti; 313 sono stati assegnati a nessun ulteriore trattamento invasivo dopo PCI primario della sola arteria correlata a infarto e 314 sono stati assegnati a rivascolarizzazione completa guidata da riserva frazionale di flusso.
Il follow-up è stato di 27 mesi.

Eventi che hanno composto l'endpoint primario sono stati registrati in 68 pazienti ( 22% ) che avevano subito procedura PCI della sola arteria correlata a infarto miocardico e in 40 pazienti ( 13% ) che hanno avuto rivascolarizzazione completa ( hazard ratio, HR=0.56, P=0.004 ).

Nei pazienti con infarto STEMI e malattia multivasale, la completa rivascolarizzazione guidata da misurazioni della riserva frazionale di flusso riduce significativamente il rischio di eventi futuri rispetto a nessun ulteriore intervento invasivo dopo PCI primario.
Questo effetto è guidato da un numero significativamente inferiore di rivascolarizzazioni ripetute, perché la mortalità per tutte le cause e il reinfarto non-fatale non differivano tra i due gruppi.
Perciò, per evitare di ripetere la rivascolarizzazione, si possono trattare tutte le lesioni dei pazienti durante il ricovero indice.

Studi futuri dovrebbero chiarire se la completa rivascolarizzazione debba essere eseguita in modo acuto durante la procedura di indice o in un secondo momento, e se possa avere un effetto sugli endpoint. ( Xagena2015 )

Engstrøm T et al, Lancet 2015; 386: 665-671

Cardio2015



Indietro