CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

La tromboaspirazione in presenza di infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST non migliora gli esiti clinici


L'aspirazione del trombo durante intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per il trattamento di infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ) è ampiamente utilizzata.
Studi recenti hanno messo in dubbio il suo valore e la sua sicurezza.

In una meta-analisi sono stati raccolti i dati dei pazienti di questi studi per determinare i benefici e i rischi dell’aspirazione del trombo durante procedura PCI nei pazienti con infarto STEMI.

Sono stati inclusi grandi studi randomizzati e controllati ( 1.000 o più pazienti ) che hanno confrontato trombectomia manuale e intervento coronarico percutaneo da solo, nei pazienti con infarto STEMI.

L'endpoint primario di efficacia era la mortalità cardiovascolare entro 30 giorni, e l'esito primario di sicurezza era rappresentato da ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ) entro 30 giorni.

I tre studi randomizzati ammissibili ( TAPAS, Thrombus Aspiration During Percutaneous Coronary Intervention in Acute Myocardial Infarction; TASTE, Thrombus Aspiration in ST-Elevation Myocardial Infarction in Scandinavia; TOTAL, Trial of Routine Aspiration Thrombectomy With PCI Versus PCI Alone in Patients With STEMI ) hanno arruolato 19.047 pazienti, di cui 18.306 sottoposti a PCI e inclusi nell'analisi primaria.

La morte cardiovascolare a 30 giorni si è verificata in 221 su 9.155 pazienti ( 2.4% ) randomizzati a trombo-aspirazione e in 262 su 9.151 ( 2.9% ) randomizzati a PCI da solo ( hazard ratio, HR=0.84; P=0.06 ). 

Ictus o attacco ischemico transitorio si è verificato in 66 ( 0.8% ) pazienti randomizzati a trombo-aspirazione e in 46 ( 0.5% ) randomizzati a PCI da solo ( odds ratio, OR 1.43; P=0.06 ).

Non ci sono state differenze significative nella recidiva di infarto miocardico, trombosi dello stent, insufficienza cardiaca o rivascolarizzazione del vaso target.

Nel sottogruppo ad alto carico trombotico ( grado TIMI del trombo: 3 o superiore ), l’aspirazione del trombo è stata associata a un minore numero di morti cardiovascolari ( 170, 2.5%, vs 205, 3.1%; HR=0.80; P=0.03 ) e con più ictus o attacchi ischemici transitori ( 55, 0.9%, vs 34, 0.5%; OR=1.56; P=0.04 ). 
Tuttavia, i valori di P di interazione sono stati rispettivamente 0.32 e 0.34.

L’aspirazione del trombo di routine durante procedura PCI per infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST non ha migliorato i risultati clinici. 
Nel gruppo a elevato carico di trombi, le tendenze verso ridotta mortalità cardiovascolare e aumento di ictus o TIA forniscono una spiegazione razionale per gli studi futuri sull’aspirazione del trombo in questo sottogruppo ad alto rischio. ( Xagena2017 )

Jolly SS et al, Circulation 2017; 135: 143-152

Cardio2017



Indietro