American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Infarto miocardico di tipo 2 in una coorte di pazienti sottoposti ad angiografia coronarica o angiografia arteriosa periferica


Nonostante il crescente riconoscimento di infarto miocardico di tipo 2 ( T2MI ), poco si sa sui suoi fattori di rischio o sulla sua associazione con l’esito.

Una coorte monocentrica di pazienti sottoposti ad angiografia coronarica o periferica con o senza intervento è stata arruolata e seguita per infarto miocardico incidente di tipo 1 e 2, eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE, un composito di morte per tutte le cause, infarto miocardico non-fatale, insufficienza cardiaca, ictus, attacco ischemico transitorio, complicazione arteriosa periferica e aritmia cardiaca ).

L'infarto miocardico di tipo 2 è stato valutato con criteri della Third Universal Definition of Myocardial Infarction.

Sono stati arruolati 1.251 pazienti e sono stati seguiti per una media di 3.4 anni. Di questi pazienti, 152 ( 12.2% ) avevano sofferto di un infarto miocardico di tipo 2 durante il follow-up; l'infarto miocardico di tipo 2 era spesso ricorrente.

Predittori multivariati di infarto miocardico di tipo 2 erano: età avanzata, bassa pressione sistolica, storia di malattia coronarica, insufficienza cardiaca, malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), diabete mellito, uso di nitrati, elevati livelli di glicemia, frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NP-proBNP ), e cistatina C.

I pazienti con infarto miocardico di tipo 2 avevano più alti tassi di successivi eventi avversi rispetto a quelli senza infarto di tipo 2 ( per 100 anni-persona: MACE, 53.7 vs 21.1, P minore di 0.001; morte per tutte le cause, 23.3 vs 3.3, P minore di 0.001; morte cardiovascolare, 17.5 vs 2.6, P minore di 0.001; eventi di insufficienza cardiaca, 22.4 vs 7.4, P minore di 0.001 ); questi tassi sono stati simili a quelli osservati nei pazienti con infarto miocardico di tipo 1.

La diagnosi incidente di infarto miocardico di tipo 2 ha fortemente previsto il rischio di successivo MACE ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.90; P minore di 0.001 ), mortalità per tutte le cause ( aHR=2.96; P minore di 0.001 ) e morte cardiovascolare ( aHR= 2.16; P=0.001 ).

In conclusione, l'infarto miocardico di tipo 2 è comune e associato a prognosi infausta. 
Sono necessari studi per valutare le strategie di trattamento per questo tipo di infarto. ( Xagena2017 )

Gaggin HK et al, Circulation 2017; 135: 116-127

Cardio2017



Indietro